Image default
Ambiente & Società In evidenza

LA PRIMA SCUOLA PER ADDESTRATORI DI CANI DA SOCCORSO E RICERCA

Nobile ed utile iniziativa, quella che, domenica 4 novembre 2018 alle ore 9.00, all’ Acquatic Emotions di Loreto Aprutino, vedrà nascere la prima scuola federale FISA abruzzese, finalizzata all’addestramento di cani da ricerca e soccorso, sia sulle superfici che in profondità del sottosuolo, nelle già purtroppo note situazioni di emergenza, come i terremoti e gli alluvioni.

Si tratta di cani destinati ad azioni umanitarie, nelle quali rischiano quotidianamente la vita tentando di salvare quella delle persone. Specializzato in questo campo e parte attiva del progetto è Armando Rucci, istruttore cinofilo specializzato e docente nazionale della Federazione FISA , esperto per le unità cinofile da soccorso e conosciuto grazie ai suoi ripetuti interventi nelle zone sismiche marchigiane, accompagnato dal lupo italiano.

Operativo dal 1995 anche come conduttore cinofilo di P.G. nella Polizia  di Stato, svolge questa importante azione sociale, come la sua collega, Barbara Biondi, educatrice e istruttrice cinofila esperta in tecniche riabilitative idroterapiche.

All’interno del programma, la stessa opererà in maniera particolare per le attività di obedience, che anticipa la fase più  complessa della ricerca  attraverso cani molecolari. Parliamo di una tecnica specifica che si avvale del riconoscimento tramite odori specifici legati alla persona ricercata, come indumenti o oggetti di utilizzo quotidiano della vittima in questione.

Armando Rucci si impegna personalmente da anni in questo lavoro ed è ormai  punto di riferimento per molti, infatti anche grazie alla sua professionalità , in passato la stessa Brambilla non ha mostrato indifferenza, ma ha pensato di rilasciare perfino premi  per queste  lodevoli attività di ricerca.

Per divenire esperti assistenti bagnanti e volontari capaci, è necessario non soltanto una dose elevata di slancio emotivo, ma un radicato e consapevole senso missionario ed altruistico, dove costanza e competenza restano i primi presupposti.

Questo sembra essere l’obiettivo della Federazione, un percorso di formazione altamente qualificato, sia a livello di educazione che di messa in opera di personale in grado di muoversi prontamente all’interno di condizioni allarmanti.

L’abilitazione comporta il rilascio di un brevetto, dopo aver conseguito un esame, grazie al quale il conduttore-cane può operare nell’ambito della Protezione Civile.

Saranno presenti all’ evento figure istituzionali della Regione e della Provincia, nonché una delegazione della Polizia di Stato e della Protezione Nazionale.

Eleonora Giovannini

Altri articoli