L’Umbria ricorda Federico Fellini e Danilo Donati

La mostra “La mia Umbria. Convergenze e divergenze” sarà esposta al pubblico alla Tower Gallery di Todi fino al 26 settembre 2020. L’esposizione sarà trasferita dopo il 26 settembre presso le sale del Municipio del Comune di Baschi, dove resterà fino al 30 ottobre 2020.

Un’esposizione, un ricordo artistico dedicato a Federico Fellini e Danilo Donati con l’obiettivo di tenere sempre alta la memoria dei due grandi personaggi del cinema italiano. La mostra “La mia Umbria. Convergenze e divergenze” sarà esposta a Todi, dal 5 al 26 settembre 2020, presso la Tower Gallery di Diego Costantini.

L’obiettivo dell’iniziativa culturale
Il giornalista e scrittore Corrado Augias, insieme allo studioso Luigi Bonanno, inaugurano l’iniziativa culturale. Nel percorso espositivo sono presenti documenti inediti sul rapporto di Federico Fellini con Danilo Donati e l’Umbria. È una testimonianza originale per comprendere la poliedrica personalità di Federico Fellini. L’esposizione vuole valorizzare il territorio umbro, regione prescelta da coloro che hanno scritto la storia del cinema mondiale. Danilo Donati, scenografo e costumista di fama internazionale, risiedeva ad Acqualoreto, comune di Baschi. Ed è proprio in questa località che Federico Fellini amava trascorrere un periodo di vacanza per essere vicino al suo amico. Nell’esposizione sono bene in vista i copioni originali di “Amarcord” e “Casanova”, con autografi di Federico Fellini, l’Oscar originale del film Casanova, disegni di Federico Fellini e i suoi celebri tovaglioli, bozzetti originali di Danilo Donati e tanto altro materiale. A completare l’iniziativa c’è una mostra collettiva di pittori del realismo magico. Gli artisti sono Ennio Calabria, Georges de Canino, Anna Di Stasi, Paolo Giorgi, Roberto Micheli, Daniela Pasti, Simone Piccioni, Francesco Ricci e Duccio Trombadori. Non solo. Il fotografo Raniero Botti, i vignettisti Massimo Bucchi di Repubblica, Emilio Giannelli del Corriere della Sera, lo scultore Matteo Maggio.

La mostra è itinerante
“La mia Umbria. Convergenze e divergenze” sarà trasferita, dopo il 26 settembre, presso le sale del Municipio del Comune di Baschi, dove resterà fino al 30 ottobre 2020. All’inaugurazione saranno presenti critici d’arte ed esponenti del mondo del cinema e della cultura, tra cui Luca Verdone, con un’inedita intervista a Danilo Donati. Alla Galleria Kezuo Art Space di Venezia, in concomitanza con il 77° Festival del Cinema, saranno esposte le fotografie di scena del film “Satyricon” di Federico Fellini, due opere di Danilo Donati e due suoi bozzetti inediti per il film mai realizzato su Caterina di Russia.

Francesco Fravolini

Articoli simili

Torino, la città dei Gabbiani

European Film Awards 2022: Annunciati i Premi d’Eccellenza

Roma Medievale come mai l’avete vista