Bonus Idrico integrativo 2024 in aggiunta al bonus nazionale

Scadenza per inoltro domande al 30 maggio 2024.

Porta il nome di Bonus Idrico Integrativo 2024. Nella sostanza si tratta di un rimborso tariffario a beneficio delle cosiddette “utenze deboli”. Con questa terminologia ci si intende riferire alle persone che versano in condizioni socioeconomiche disagiate. Si tratta di una misura aggiuntiva al Bonus Idrico Nazionale.

Venendo ai dati numerici, sta espressamente scritto che il suddetto bonus riconoscibile a ciascun beneficiario è pari a € 25,00 per ogni componente del nucleo familiare in presenza di un indicatore ISEE ordinario inferiore a € 9.000,00. L’importo scende invece a € 20,00 per ogni componente del nucleo familiare in presenza di un indicatore ISEE ordinario da € 9.000 fino alla soglia di € 20.000,00.

Per prendere poi visione del Regolamento integrale per l’attribuzione del suddetto Bonus basta cliccare al presente link. Si anticipa, sin da ora, che sono ammessi a tale misura i nuclei familiari titolari di utenze dirette o residenti in un’utenza indiretta che appartengono alla tipologia “Uso domestico residente” titolari dei seguenti requisiti. In primis è richiesta la residenza presso uno dei comuni gestiti da Abbanoa SpA; inoltre un contratto di fornitura del servizio idrico integrato. Infine è necessario anche il possesso di un indicatore ISEE ordinario non superiore alla soglia di 20.000,00 euro.

Viene inoltre espressamente detto che il nucleo ISEE, in condizioni di disagio economico sociale, ha diritto al BONUS IDRICO INTEGRATIVO  2024 con riferimento a un solo contratto di fornitura. Maggiori informazioni possono essere richieste al proprio comune di residenza. Quanto alle aree geografiche coinvolte, si rimanda al comunicato di EGAS (Ente di Governo dell’Ambito della Sardegna) dove è attiva la presente agevolazione. Per quanto riguarda la tempistica la domanda di ammissione al BONUS deve essere presentata entro e non oltre
il giorno 30 maggio 2024.

Di Maria Teresa Biscarini

Articoli simili

Milano, una nuova struttura per i migranti della salute

Il vino biologico piace agli italiani

Rendita catastale: che cos’è e come si calcola