Todi, torna il Festival delle Arti 2021

Sono in mostra le opere di Arnaldo Pomodoro dal 24 luglio al 26 settembre. L’edizione del Festival pone le sue solide basi sulla storica amicizia tra Beverly Pepper e uno dei più grandi scultori contemporanei italiani, Arnaldo Pomodoro.

Il Festival delle Arti è nuovamente protagonista a Todi in Umbria. La rassegna artistica è curata da Francesca Valente. Promosso dalla Fondazione Progetti Beverly Pepper, l’evento è realizzato in collaborazione con il Comune di Todi, rifugio dell’artista statunitense dal 1970, anno in cui, affascinata dalla bellezza artistica e monumentale del luogo, si stabilì con il marito, lo scrittore e giornalista Curtis Bill Pepper, fino alla sua scomparsa nel febbraio del 2020. L’edizione 2021 del Festival delle Arti pone le sue solide basi sulla storica amicizia tra Beverly Pepper e uno dei più grandi scultori contemporanei italiani, Arnaldo Pomodoro, al quale l’evento renderà quest’anno un ampio e diffuso omaggio, in collaborazione con la Fondazione Arnaldo Pomodoro di Milano.

Storico incontro
Il primo incontro tra Arnaldo Pomodoro e Beverly Pepper risale al 1962, in occasione della mostra “Sculture nella città”, ideata e curata da Giovanni Carandente per il Festival dei Due Mondi di Spoleto e oggi considerata una pietra miliare nella storia dell’arte del Novecento. Per la prima volta, infatti, l’arte contemporanea viene esposta all’aperto e le sculture di giovani e talentuosi artisti, tra cui la Pepper e Pomodoro, vengono messe a confronto con la città e i suoi spazi pubblici. Quel momento segna tra i due scultori l’inizio di un rapporto professionale e personale di reciproca stima e amicizia, nel comune intento di costruire un linguaggio artistico in un dialogo costante con l’ambiente e la natura. Un felice connubio tra arte e luoghi che ha trovato nella verde Umbria un palcoscenico d’eccezione, essendo le opere dei due artisti già presenti in varie località, oltre a Todi e Spoleto, come Terni, Gubbio, Bevagna, Assisi, Brufa e Torgiano.

Il programma
Tutto comincia il 24 luglio con i riflettori puntati sull’installazione temporanea delle quattro Stele (1997-2000), nella centralissima piazza del Popolo a Todi, e degli Scettri (1987-1988) presso i vicini Giardini Oberdan. Si tratta in questo caso di cinque sculture in alluminio concesse in comodato d’uso gratuito, a lungo termine, dalla Fondazione Arnaldo Pomodoro alla Città di Todi. Le attività riprenderanno il 28 agosto, in concomitanza con la prima giornata di Todi Festival, quando, presso la Sala delle Pietre all’interno dei Palazzi comunali di Todi, verrà inaugurata la mostra temporanea “Labyr-Into”, in programma fino al 26 settembre, dove i visitatori potranno entrare, in modo virtuale, nell’opera ambientale di Arnaldo Pomodoro chiamata “Ingresso nel labirinto”. Alla Sala del Torcularium si terranno i laboratori didattici pensati per un ampio pubblico, dall’infanzia alla terza età, mentre lungo i luoghi del Festival saranno organizzati gli Urban ART Tour, cicli di passeggiate guidate.

Web e Social
www.fondazioneprogettibeverlypepper.com; www.fondazionearnaldopomodoro.it
Facebook: @ProgettiPepper | @FondazioneArnaldoPomodoro
Instagram: @fondazionep_beverlypepper | @fondazione_arnaldo_pomodoro

Francesco Fravolini

Articoli simili

Wasichu presenta ‘L’Effetto della cifra di sinistra’

La classifica dei 30 attori di kdrama più amati di aprile 2024

TORNA LA MILANESIANA DI ELISABETTA SGARBI