Musica per gli animali: ecco la nuova sfida di Spotify

Da quando la musica è solamente per noi? Ovvero noi essere umani. Chi lo ha stabilito che soltanto noi possiamo rilassarci con un po’ di musica? Perché non possono farlo anche gli animali, ad esempio? A questo quesito ci ha pensato Spotify, società svedese di spicco ormai nello streaming audio, grazie a playlist e podcast realizzati su misura per l’ascoltatore. Ed ecco che tra questi ascoltatori ci saranno anche i nostri amici a quattro zampe, infatti cani e gatti avranno delle playlist e dei podcast realizzati proprio su misura per loro, così da trascorrere il tempo quando i loro padroni li lasciano soli a casa.

Melodie tranquille, messaggi, storie con le voci di attori in grado di alleviare lo stress dei nostri animali domestici quando sono a casa da soli, dal momento che gli algoritmi creeranno delle raccolte di canzoni sulla base dei tratti caratteriali dell’animale. Una svolta unica nel suo genere, maturata dalla società dopo aver scoperto come il 74% dei possessori di animali domestici, per lo meno nel Regno Unito, fa ascoltare a questi ultimi della musica adatta a loro. Inoltre grazie ad altri dati, Spotify ha anche fatto sapere che un quarto dei proprietari di animali ha visto ballare, seppur impercettibilmente, il proprio amico a quattro zampe; ed ancora che il 42% dei proprietari sa perfettamente che melodie preferiscono i loro animali.

Per poter accedere questo magico mondo, è sufficiente visitare la pagina spotify.com/pets, Poi all’interno della sito è possibile scegliere l’animale, dal momento che oltre a cane e gatto, ci sono anche iguana, criceto e uccellino, per poi selezionare anche il carattere da rilassato a molto vivace. Dopo di che è possibile anche aggiungere qualche dettaglio sull’animale, come qualche tratto caratteriale, e annesse foto. Ed infine, il ruolo spetta agli algoritmi che creeranno la playlist più adatta.

Giulia Baldini

Articoli simili

Le pietre viola

I suoni che calmano stati di ansia e paranoie

Sistema di soccorso in emergenza e urgenza: serve istituzionalizzare la figura del soccorritore