Il metodo Catanalotti, il ritorno di Montalbano in TV

Sono oltre 20 anni che Luca Zingaretti è Salvo Montalbano, dal 1999. Ma tutte le cose belle finiscono, prima o poi, e così sta per accadere anche al Montalbano televisivo che, con “Il Metodo Catanalotti”, tratto dell’omonimo romanzo di Camilleri, andrà in onda con un’ultima nuova puntata l’8 marzo 2021. O, almeno, per adesso sarà così.

La trama gira intorno ad un Montalbano invaghito di una collega, interpretata da Greta Scarano, e per questo è disposto a lasciarsi tutto alle spalle. Non solo Livia, la sua storica fidanzata, ma anche il suo lavoro. Addirittura il suo lavoro, senza il quale, fino ad adesso, Montalbano non sarebbe Montalbano.

Lo stesso Luca Zingaretti, infatti, dichiara che:

“Salvo è sempre stato un uomo dai punti fermi, la sua terra siciliana, i suoi uomini, la sua Livia che aveva sempre rappresentato quasi lo specchio della sua esistenza. Qualche altra volta, è vero, gli era capitato di cadere in tentazione, ma questa volta è pronto a lasciare tutto e a prendersi anche un congedo per stare vicino alla collega di cui si è innamorato”.

Una trasformazione per Montalbano anche per il suo tentativo di approccio con la nuova fiamma, ma, oltre questo, la trama dell’episodio avrà al centro il mondo del teatro, uno dei punti fissi di Camilleri, come passione e come obiettivi.

Al centro dell’episodio, infatti, c’è Carmelo Catalanotti, usuraio, artista e fondatore di una compagnia di teatro amatoriale di Vigata. Un personaggio brutale e geniale nei suoi metodi, che sottopone i suoi attori e i suoi allievi a prove al limite della tortura.

Una persona poco piacevole che si ritrova con un pugnale nel petto, morto, e che darà il via all’ultima indagine di Montalbano. Che lo sia davvero?

Domenico Attianese

foto: rai.it

Articoli simili

Sistema di soccorso in emergenza e urgenza: serve istituzionalizzare la figura del soccorritore

Sorrentino: le sale cinematografiche hanno bisogno di noi

60 anni fa iniziava la carriera di Mia Martini