Liberi nell’arte, il volto sociale del sinodo dei giovani

Iniziativa di solidarietà rivolta alla realtà carceraria per una cultura del reinserimento. E’ questo lo scopo del progetto denominato Liberi nell’Arte promosso dalla stampa cattolica – UCSI Molise –  in collaborazione con Vatican News, Ministero della Giustizia e Ispettorato Generale dei Cappellani.

L’anticipazione del progetto alla stampa si è svolta a Roma, presso la Sala Marconi di Palazzo Pio, in occasione del Sinodo dei Giovani. Il progetto, il cui fine è di favorire la cultura del reinserimento e dell’integrazione sociale dei detenuti sarà presentato ufficialmente  il 6 ottobre all’interno della cerimonia di apertura del Sinodo, presso l’Aula Paolo VI in Vaticano, alla presenza del Santo Padre. L’evento si esprimerà attraverso quattro distinti momenti artistici che si svolgeranno presso l’Istituto Penale per Minorenni Casal del Marmo, il Carcere Femminile di Rebibbia la Casa Circondariale “Regina Coeli” e la Casa di Reclusione Paliano. Liberi nell’arte è dunque un progetto sul tema della giustizia e della tolleranza, per promuovere la cultura del reinserimento attraverso l’arte. Testimonial dell’idea Cosetta Lagani, direttore artistico film d’arte SKY; Nicola Sapio Comunication Director and Artainment WS, Francesca Volpini Executive Producer Le Div4.

Stefano Venditti

 

Articoli simili

Il frantoio Nata Terra diventa presidio slow food

SummerMela racconta la cultura indiana

Le Maldive nascoste in Italia: non si può perdersele