Apofillite: caratteristiche ed usi

Minerale piuttosto comune in commercio anche se non è tra i più noti quando si parla di cristalloterapia, può avere diversi colori quella bianca è legata al settimo chakra, quella gialla al terzo e quella verde-blu con il quarto e il quinto.

Presenta una lucentezza madreperlacea ed è una pietra perfetta per coloro che amano lanciarsi sempre in nuove avventure e non hanno paura del cambiamento. Le opportunità vanno viste come tali.

Tale pietra ha la proprietà di aiutare a non cadere nell’eccesso e quindi di non buttarsi in tutte le occasioni solo perché allettanti ma aiuta a scegliere con un pizzico di concretezza.

L’apofillite verde e blu è utile per chi ha paura dei sentimenti veri e pertanto rifugge le pertanto rifugge le relazioni troppo impegnative in quanto aiuta a comunicare con una certa franchezza e ad aprirsi un po’ di più con i sentimenti.

Dal punto di vista spirituale dona tranquillità, riuscendo a calmare quei temperamenti molto focosi, permette di aprirsi al prossimo nel modo più sincero possibile e riesce a combattere molte paure specie quelle rivolte al modo di porsi nella vita, aiutando chi è più restio al cambiamento a lasciare da parte le paure infondate, libera anche dai sensi di colpa e dalla dipendenza da quegli schemi mentali dannosi.

A livello fisico pare sia usata qualora vi siamo problemi di asma, poggiandola sul torace.

Benedetta Giovannetti

foto:camminidiluce.net

Articoli simili

Le pietre viola

Verstappen il dominatore

Le pietre arancioni