AAMOD, documentare il lavoro durante il Coronavirus

È stata promossa una raccolta di documenti audiovisivi sull’occupazione durante l’emergenza del Coronavirus in Italia. Per testimoniare i cambiamenti avvenuti in questo periodo al fine di ricordare il momento storico

Le modalità di lavoro durante il Coronavirus stravolgono il concetto dell’occupazione, accelerando il processo di cambiamento che caratterizza il XXI secolo: il digitale sancisce la rivoluzione industriale. A promuovere la raccolta delle testimonianze storiche è l’Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico di Roma. Questa iniziativa intende coinvolgere i lavoratori attualmente impiegati o addirittura rimasti improvvisamente senza attività e reddito, al fine di interagire mediante racconti e testimonianze video sulla propria condizione e sugli attuali servizi forniti. È fondamentale documentare, raccontare, interpretare le nuove condizioni di lavoro in questo delicato momento storico, dove il cambiamento stravolge il paradigma sociale ed economico. L’AAMOD promuove una campagna per la raccolta di documentazione partecipata e costituisce un fondo dedicato a materiali video autoprodotti. È una straordinaria occasione per raccontare l’emergenza Covid-19 dal punto di vista dei lavoratori, senza dimenticare di riflettere su come questa condizione possa incidere sulle continue trasformazioni sociali e politiche.

Testimonianze raccolte
La raccolta dei documenti audiovisivi inviati servirà ad ampliare uno dei più rilevanti patrimoni filmici italiani in materia di storia e società. Durante queste settimane di profondi sconvolgimenti dovuti alla diffusione del Coronavirus, un pesante tributo è a carico dell’occupazione. Chi ha perso il lavoro, chi è stato messo in ferie forzate, chi prosegue l’attività temendo per le proprie condizioni di sicurezza, chi ha scioperato, chi è in prima linea per difendere la vita negli ospedali, chi per la prima volta sta lavorando da casa e chi si è trovato all’improvviso senza una fonte di reddito. Dipendenti, precari, partite Iva, piccoli imprenditori stanno vivendo un profondo sconvolgimento delle proprie condizioni di lavoro e di vita.

Il contenuto della documentazione
Il contenuto dei materiali video può riguardare qualunque argomento connesso con la tematica del “Lavoro ai tempi dell’emergenza Coronavirus in Italia”: la denuncia di condizioni di lavoro non adeguate ai parametri di sicurezza, le condizioni di difficoltà sociale e familiare che lavoratrici e lavoratori si trovano a vivere, lo sforzo e il senso di responsabilità di coloro che lavorano per garantire beni di prima necessità, l’impegno e la generosità del personale ospedaliero e di chi deve garantire i servizi pubblici essenziali.

Come partecipare
Basterà inviare i propri video girati con i mezzi che si hanno a disposizione (telefonini, fotocamere, videocamere) per contribuire ad implementare questo fondo, destinato non solo a conservare la memoria di quanto sta accadendo nel mondo del lavoro, ma anche ad essere immediatamente riutilizzato in nuove opere, documentari, reportage, studi.
I materiali, inviati attraverso le comuni piattaforme web o di condivisione file, dovranno essere accompagnati dall’autorizzazione al loro utilizzo sul modello predisposto e scaricabile dal sito AAMOD. Alcuni di questi verranno utilizzati e rielaborati per raccontare sin da subito cosa vivono, raccontano, denunciano le lavoratrici e i lavoratori ai tempi del contagio.

Per informazioni e modalità di partecipazione clicca qui

Francesco Fravolini

Articoli simili

Napoli, “Mediterraneo wine & food and travel”

Economia, come lanciare una startup di successo

Gli ologrammi a firma pugliese anticipano il futuro