Image default
Consigli e ricette di Maria Cristina In evidenza

FOGLIE DI SALVIA FRITTE: lo stuzzichino che non ti aspetti!

Volete sorprendere i vostri prossimi ospiti all’ora dell’aperitivo? Ecco un’idea originale, veloce e ancora di stagione. Basta avere a disposizione un pugno di foglie di salvia, preferibilmente quella a foglia larga.

Raccogliamo qualche cimetta di salvia con due-tre centimetri di gambo, per il quantitativo, diciamo una a testa ma se non c’è modo, vanno bene anche foglie singole. Tenendole per il gambo, le passiamo sotto l’acqua del rubinetto, sfregandole delicatamente e le lasciamo sgocciolare a testa in giù.
Intanto, prepariamo una pastella fatta con farina, birra fredda, sale e pepe. Possiamo sostituire senza problemi la birra con acqua: avremo un fritto solo meno “gonfio”.
Riprendiamo le nostre foglie di salvia che tamponiamo con della carta da cucina per assorbire l’umidità residua. Tenendo ogni cimetta per il gambo, le intingiamo nella pastella avendo cura di ricoprire tutta la superficie delle foglie: se abbiamo azzeccato la sua consistenza, la pastella aderisce bene e non cola. Se fosse il caso si può ancora rimediare aggiungendo poca farina, stando attenti a non creare grumi.
E adesso, massima concentrazione e tempismo! In una padella  profonda ma piuttosto piccola mettiamo a scaldare olio per frittura del tipo girasole o arachide. Portiamo l’olio ad una bella temperatura; un metodo per verificare se è giusta consiste nell’ immergere la punta di uno stuzzicadenti: appena tocca la superficie dell’olio, si formano tante mini bollicine, segno che possiamo iniziare a friggere.
Attenzione: la cottura delle foglie di salvia è molto veloce e non dobbiamo aspettare che dorino troppo, diventerebbero amare! Ecco perché è meglio usare una padella di piccole dimensioni (ma altina): introdurre pochi pezzi da friggere alla volta ci consente un maggior controllo.  Quindi, tuffiamo le nostre cimette, lasciamo un minuto poi le rigiriamo dall’altra parte. Un altro minuto poi scoliamo su carta assorbente. Aggiungiamo un pizzico di sale se necessario.
Le foglie di salvia fritte si possono degustare calde ma anche fredde. Un’avvertenza: se le state servendo man mano che le friggete, raggiungete velocemente i vostri ospiti… o non ne ritroverete nemmeno una!

Buon aperitivo!

Maria Cristina

Altri articoli