Image default
Ambiente & Società

FINALMENTE L’ ERGASTOLO CHE RENDE GIUSTIZIA AD UN INNOCENTE

Sono stati condannati all’ergastolo i fratelli Marco e Gabriele Bianchi accusati dell’omicidio di Willy Monteiro Duarte avvenuto nel settembre del 2020 a Colleferro. I giudici della Corte di Assise di Frosinone hanno disposto una condanna a 23 anni per Francesco Belleggia e e 21 anni per Mario Pincarelli.

Il ragazzo veniva martoriato e ucciso a suon di percosse a Colleferro nel settembre 2020.

Disposta anche una provvisionale di 200 mila euro ciascuno per i genitori di Willy e di 150 mila euro per la sorella.

La sentenza è stata accolta in aula dagli applausi durante la lettura della stessa.

Così Armando, il padre di Willy ha commentato con i propri legali, Vincenzo Galassi e Domenico Marzi la sentenza di condanna per i quattro di Artena. “Una sentenza ineccepibile in linea con le conclusioni del pm – hanno detto i due legali – che legge le pagine processuali con un rigore assoluto e anche un riconoscimento di qualità per quanto riguarda l’attività investigativa iniziale delle forze dell’ordine”.

Resta da chiedersi con quale coraggio gli imputati nel gabbiotto di sicurezza hanno gridato e imprecato dopo che gli agenti della penitenziaria li hanno portati via. “E’ stato un processo mediatico. Va contro tutti i principi logici. Leggeremo le motivazioni e poi faremo appello. Siamo senza parole”. Massimiliano Pica, difensore dei fratelli Bianchi dopo la sentenza all’ergastolo disposto dai giudici della Corte d’Assise. Nel pubblico molti gli amici di Willy apparsi visibilmente commossi.

Dinanzi ad un fatto di una simile brutalità, bestiale nel senso stretto del termine, privo di ratio, totalmente colmo di odio, ci si sente un po’ più tutelati dalla legge. 

L’unica speranza è che questa sentenza faccia tenere le mani al loro posto ad altre persone che potranno pensare di dover impartire grette lezioni o ammonimenti a innocenti o seppur colpevoli, persone che hanno tutto il diritto di parlare, sbagliare e risolvere nelle opportuni sedi tutti i fraintendimenti del caso.

Altri articoli