“Tu eri lì” racconta storie in musica

Dalla veste prevalentemente unplugged, un ventaglio di storie dissidenti animate da una forte intenzionalità polisemica. L’album, uscito sabato 28 novembre 2020 su tutte le piattaforme digitali, è quello di esordio del cantautore di Vigevano Ruben Caparrotta, in arte Sambiglion

La musica è sempre in fermento e racconta momenti di vita e sentimenti. Il recente album, uscito sabato 28 novembre 2020 su tutte le piattaforme digitali, è quello di esordio del cantautore di Vigevano Ruben Caparrotta, in arte Sambiglion, “Tu eri lì”. La tradizione dei cantautori italiani è una costante che arricchisce la cultura musicale con sfaccettature da non sottovalutare.

Il contenuto dell’album

Anarcoide, irridente, capace di scrivere, con apparente leggerezza, pagine caustiche di satira sociale e di dischiudere, appena al di sotto di un sostrato materico, alchimie spirituali, Sambiglion regala agli appassionati di musica con “Tu eri lì”, dalla veste prevalentemente unplugged, un ventaglio di storie dissidenti animate da una forte intenzionalità polisemica. Le storie è sempre interessante ascoltarle perché la melodia riesce a catturare la sensibilità delle persone.

Produzione e distribuzione

L’album è distribuito da La Stanza Nascosta Records del musicista e produttore Salvatore Papotto, sarà disponibile anche in formato vinile. È una preziosa ricchezza giacché con l’avvento del digitale è stato cancellato il simbolo in vinile dell’album musicale che interessa gli appassionati del settore. È utile sottolineare che l’album è stato già anticipato dal singolo “Lunatica”, dal 14 novembre in radio e su tutti i digital-stores, accompagnato dal videoclip ufficiale realizzato da Teaseng. Gli arrangiamenti, volutamente minimali, sono strettamente funzionali alla narrazione. Canzone d’autore, con richiami alla tradizione degli chansonniers francesi e della scuola genovese, echi gaetaniani e pop rock con inserti di ritmiche di origine popolare si alternano in un album pensato per durare nel tempo.

Bio

Ruben Caparrotta nasce a Vigevano (PV) il 3 aprile 1989. Ha all’attivo il singolo “Anche le mosche indossano i Ray-ban” (2009, autoprodotto). Nel 2018 è finalista di Emergenza Festival.

Francesco Fravolini

Articoli simili

‘In nome di ogni Donna’

Collection a Villa Medici

Roma, l’arte negli anni Sessanta e Settanta