Serpentino: caratteristiche ed usi

Il serpentino è un gruppo di minerali comuni in rocce metamorfiche femiche e ultrafemiche.

È un minerale dalle varie tonalità del verde e con un aspetto piuttosto squamoso quando è nella sua forma grezza, ed è proprio per questo motivo che gli è stato attribuito il nome serpentino.

Veniva utilizzato a scopo curativo da diversi secoli, già nell’epoca preromana ritenevano che possedesse il potere di tenere lontane le malattie ed i sortilegi.

È un regalo ideale per chi si sente particolarmente attaccato dalla cattiva sorte.

In commercio si trova sotto tre forme una lamellare, una fibrosa e una striata.

È indicato per tutti coloro che si lasciano trasportare troppo dalle emozioni, che preferiscono vivere il momento da andare nel panico quando si tratta di fare progetti a lunga scadenza o che si sentono di non riuscire a mantenere la parola data per paura di deludere il prossimo.

È legato al quarto chakra quello delle emozioni, ed al terzo occhio.

Viene usato per guarire e liberare l’aura da tutti i blocchi di energia che impediscono la totale e piena guarigione.

Lavora in modo eccellente sul piano mentale fisico ed emotivo.

Per lavorare sui sentimenti è opportuno durante una seduta di cristalloterapia posizionarlo su chakra del cuore.

Ottimo alleato per il nervosismo e per alleviare l’ansia di deludere le aspettative del prossimo.

Aiuta a trovare l’equilibrio dentro noi stessi ed è ottimo nella pratica meditativa.

Benedetta Giovannetti

Articoli simili

Il frantoio Nata Terra diventa presidio slow food

Consigli e “trucchi” dal nutrizionista per dimagrire in modo continuo e mantener il proprio peso forma

Scoperta una molecola in grado di combattere l’obesità