Quarzo tormalinato: caratteristiche ed usi

Il quarzo tormalinato ha una base di cristallo di rocca o di quarzo bianco e al suo interno presenta frammenti di tormalina nera.

A livello metafisico, è considerata una pietra molto potente e nei trattamenti cristalloterapici è usato, ad esempio, per pulire l’aura, purificandola su vari livelli e trasportando in essa la luce che si trasmette in tutto il nostro corpo, portando con sé il suo potere guaritore.

Da molti è considerata più potente di una tormalina nera, in quanto, essendo incastonata nel quarzo, questa va ad amplificare il suo potere, infatti, viene usata anche come pietra per la protezione psichica.

A livello fisico, sebbene non si abbiano conferme certe, pare sia usato per armonizzare e pulire il tratto intestinale, ma è utile anche per bilanciare l’organismo dai malesseri e dai turbamenti interiori.

A livello mentale rende più chiari i pensieri, aiutando a concentrarsi meglio sugli obiettivi. Tuttavia, se si è in uno stato di grande confusione ne è sconsigliato l’uso, in quanto si tratta di una pietra che amplifica e quindi, si rischia di aumentare lo stato confusionale.

Se è usato come purificatore dell’aura, aiuta a sciogliere alcuni schemi mentali che si rivelano delle scatole chiuse, dalle quali non si sa come uscire.

Sul piano spirituale, oltre a purificare l’aura dalle negatività, aiuta anche a radicarsi meglio e lavora sul primo chakra, quello della radice.

Benedetta Giovannetti

Articoli simili

Sport bizzarri: lo Yukigassen

Frutta e verdura “irregolare” a domicilio con il market dell’e-commerce

Le pietre viola