Perline DZI: caratteristiche ed usi

Le perle Dzi sono considerate un talismano originato da antiche civiltà e persino da forze extraterrestri che per la loro forma insolita e per i disegni magici a forma di occhi o forme geometriche e altri motivi attirano la curiosità di chi li osserva. 

Si narra che queste pietre raccontino dei misteri irrisolvibili dal punto di vista scientifico e che indossato fungano da potente amuleto inviato dall’alto. 

Originari delle terre sacre del Tibet si narra che questi talismani siano apparsi per la prima volta sulla terra 2500 anni fa. 

Questo talismano è composto dal 7’% da agata, per il 25% da una miscela di altri minerali e per il 5% da un elemento sconosciuto e mai visto sul nostro pianeta. 

Il significato di questo talismano è proteggere chi lo indossa da malocchio, danni forze del male, vari problemi, malattie e disastri naturali.

A seconda dei disegni riportati sopra la perla ha un diverso significato e proprietà, c’è quello che garantisce clienti e che aiuta a ridurre irritabilità e dona pazienza, poi ci sono quelli che attirano buona fortuna e ricchezza materiale. 

Altri possono rimuovere gli ostacoli che ci sono sulla propria strada e che ci impediscono di raggiungere gli obiettivi, o aiutarci nella carriera, migliorando la determinazione e il coraggio.  

Vi sono poi quelli che possono attirare denaro oppure la calma e la pace favorendo l’armonia spirituale con se stessi. 

Possono essere combinati con altre pietre tipo ambra, coralli rossi, corniola, agata o turchese.

Va pulito periodicamente ad esempio subito dopo averlo acquistato o dopo aver visitato luoghi in cui non si può accedere con un talismano e ci sono diversi modi per purificarlo: 

Usando una candela passando più volte i diversi lati della pietra sulla fiamma della candela, oppure lasciando il talismano alla luce diretta del sole per almeno mezza giornata, oppure fumigandola con dell’incenso o lasciarla sotto l’acqua corrente per 15/30 minuti. 

Articoli simili

Verstappen il dominatore

Le pietre arancioni

Ha la forma della tradizionale pasta ma non contiene grano