NortH2: “il più grande progetto europeo sull’idrogeno verde”

Shell, Gasunie e Groningen Seaports lanciano piani ambiziosi per costruire un hub di idrogeno verde per il nord Europa

Questa settimana un nuovo consorzio ha svelato piani ambiziosi per costruire il mega-impianto di produzione di idrogeno verde più grande d’Europa, che avrebbe generato energia eolica offshore per produrre idrogeno a zero emissioni in un nuovo sito sulla costa olandese.
Il braccio olandese del colosso petrolifero Shell, lo specialista delle infrastrutture del gas Gasunie e Groningen Seaports hanno lanciato ufficialmente il progetto NortH2, confermando i piani per sfruttare fino a 10 GW di energia eolica offshore entro il 2040 e produrre 800.000 tonnellate all’anno di idrogeno verde.
Il proposto impianto di mega-idrogeno a Eemshaven avrebbe il potenziale per risparmiare sette megatoni di emissioni di CO2 all’anno, affermano le società.
Il progetto è iniziato con uno studio di fattibilità che il consorzio prevede di concludere entro la fine di quest’anno. Ma le compagnie dicono di essere fiduciose e che la Provincia di Groningen potesse diventare il “centro europeo di produzione di idrogeno verde e un esempio europeo come la prima valle europea dell’idrogeno”. Hanno aggiunto che gli investimenti nel progetto NortH2 potrebbero creare migliaia di posti di lavoro nei Paesi Bassi settentrionali.
I sostenitori dell’idrogeno verde sostengono che potrebbe svolgere un ruolo critico in un sistema di energia a zero emissioni, fornendo un mezzo per immagazzinare energia fornita dall’output di energie rinnovabili variabili convertendolo in un gas che potrebbe quindi essere utilizzato per molteplici applicazioni, inclusi processi industriali, trasporti combustibili e sistemi di riscaldamento. Tuttavia, la produzione convenzionale di idrogeno si basa in genere sul gas e provoca emissioni di carbonio, portando a un crescente interesse su come l’energia rinnovabile potrebbe essere utilizzata per produrre idrogeno attraverso l’elettrolisi senza emissioni.
Marjan van Loon, presidente-direttore di Shell Nederland, ha affermato che il progetto pone i Paesi Bassi “in prima linea nell’idrogeno a livello globale”. “Questo progetto offre opportunità nell’intera catena dell’idrogeno”, ha aggiunto. “Inoltre, si adatta bene alle nostre aspirazioni di nuove energie e alle nostre ambizioni di trovare nuovi modi per ridurre le emissioni di CO2 e fornire energia più e più pulita, a casa, in viaggio e al lavoro.”
Tuttavia, ha sostenuto che per realizzare il progetto, le società “avrebbero bisogno di diversi nuovi partner”. “Insieme dovremo fare il pioniere e innovare per riunire tutte le conoscenze e le competenze disponibili richieste”, ha aggiunto. “La transizione energetica richiede coraggio, audacia e azione”.
Ovvio che il progetto non è semplice e nemmeno di facile realizzazione, infatti richiederebbe la costruzione di nuovi importanti parchi eolici offshore, lo sviluppo di nuovi elettrolizzatori, potenzialmente inclusi alcuni offshore, e l’istituzione di una “rete di trasporto intelligente” nei Paesi Bassi e nell’Europa nord-occidentale in grado di fornire le 800.000 tonnellate di idrogeno verde per utenti industriali e potenzialmente consumatori.
Tuttavia, Han Fennema, CEO di Gasunie, ha affermato che il progetto è perfettamente posizionato per avere un impatto trasformativo. “I Paesi Bassi hanno una posizione di leadership nel passaggio a un’economia dell’idrogeno”, ha detto. “Abbiamo il Mare del Nord per la produzione di vento, i porti come hub logistici e i cluster industriali che vogliono passare a molecole verdi e una rete di trasporto adeguata … Se vogliamo realizzare le nostre ambizioni climatiche, dobbiamo avere grandi su larga scala in tempo utile”.
Un progetto che se non altro ci fa sperare dato che anche le multinazionali del petrolio stanno guardando a nuove prospettive più ecologiche.

Riccardo Pallotta

Articoli simili

Agricoltura, è il momento del salto di qualità: serve più attenzione dalla politica e dai consumatori

Gli incendi in Occidente danneggiano anche l’Artico

Il castello di Bardi e il suo fantasma