“MONEY MUST BE MADE” DI LORENZO VITTURI ALLA “V BIENNALE DI FOTOGRAFIA SU INDUSTRIA E LAVORO” A BOLOGNA

Dal 14 ottobre al 28 novembre 2021, Bologna accoglie in 10 differenti location 10 artisti internazionali, per la “V Biennale di Fotografia su Industria e Lavoro”, promossa dalla Fondazione MAST, curata da Francesco Zanot; il soggetto protagonista: l’industria alimentare in tutte le sue sfumature.

L’alimentazione attraverso il filtro della fotografia diventa il percorso, lo specchio di un’epoca e di una civiltà globalizzata: la nostra.

La Fondazione Mast nasce nel 2013, per condividere con la città di Bologna la sua missione culturale; è un Ente non profit internazionale, legato al gruppo industriale Coesia e concepito come tramite tra l’impresa e la comunità.

“Money Must Be Made”, il lavoro presentato da Lorenzo Vitturi, accolto nel suggestivo salone di Palazzo Pepoli, rappresenta una questione politica e sociale attraverso un’estetica a tratti astratta, sofisticata, di indubbio impatto visivo.

Lorenzo Vitturi, classe 1980, veneziano, ha vissuto a lungo tra Londra e Milano, si è avvicinato alla fotografia attraverso la pittura, dopo aver frequentato l’Accademia di Belle Arti di Venezia, in seguito, a Roma, ha conseguito, una specializzazione in fotografia e design allo IED (Istituto Europeo di Design), cimentandosi anche come scenografo cinematografico.

La fotografia diventa così, per l’artista, il mezzo che gli permette di avere delle proprie immagini, per comporre i suoi collage; diventa un campo di sperimentazione, un aggregatore che include pittura, scultura e collage dove tutto si fonde.

Vitturi si interessa da anni all’incontro tra culture diverse. “Money Must Be Made” è stato ambientato a Balogun Market Lagos in Nigeria, uno dei mercatini più grandi del mondo, che fa da sfondo a questo lavoro, dove gli accumuli di un mercato africano, si mischiano alle persone che lo animano, dando a questo luogo la sua identità.

Vitturi, ama contaminare culture e discipline, materiali e immagini, nelle quali persone e oggetti si trasformano in continuazione, assumendo identità multiple, spesso inedite. L’artista aggiunge le sue immagini a quelle esistenti senza apparente sforzo; il tutto assume una paradossale forma di realismo che sostituisce la descrizione della realtà.

Un caleidoscopio di colori e sensazioni, sculture caduche di delicata bellezza, diventano effimere protagoniste nei suoi scatti. Il tutto per rappresentare una sempre più complessa e multietnica realtà urbana.

Le mostre personali recenti includono: Nulla è Puro, al Centre Photographique Rouen Normandie; Dalston Anatomy, al FOAM Museum di Amsterdam, alla Photographers ‘Gallery di Londra, alla Contact Gallery di Toronto e al CNA (Centre national de l’audiovisuel) in Lussemburgo.

Vitturi ha inoltre partecipato a mostre collettive al MAXXI di Roma, al Centre Georges Pompidou di Parigi, a Palazzo Reale, alla Triennale di Milano, al BOZAR di Bruxelles, al K11 Art Museum di Shanghai, al Barbican Centre di Londra, alla IMA Gallery di Tokyo.

Inoltre, si è guadagnato le copertine di riviste internazionali, come quelle del British Journal of Photography e del Financial Time Weekend Magazine.

Marisa Paola Fontana

Articoli simili

Il concorso Miss Città di Nardò 2022

Gli ENHYPEN sul tetto della Oricon Top Weekly Album Chart

Folklore, il Palio di Asti 2022