“Marghe e Giulia Crescere in diretta”, su Sky il docu-film sulle youtuber bambine

Marghe e Giulia – Crescere in Diretta” è un documentario, un docufilm, andato in onda su Sky. Il documentario ha analizzato la vita di due sorelle, Margherita e Giulia, di 9 e 12 anni, che sono anche delle youtuber famosissime, seguite da oltre 300.000 persone. Milioni di visualizzazioni.

Il documentario si è concentrato sia sulla carriera da youtuber delle due sorelle che sulla loro vita privata, un documentario diretto da Alberto Gottardo e Francesca Sironi per il ciclo “Il racconto del Reale”. Un’analisi di un fenomeno noto solo agli appassionati, ma sconosciuto al grande pubblico.

Non solo la vita privata e pubblica delle bambine che gestiscono il canale “Marghe e Giulia Kawaii”, ma anche nella vita dei loro genitori, Luigi e Maria, che danno man forte alle figlie. Una famiglia di Giuliano, vicino Napoli, apparentemente come tante, ma ormai da due anni non è più così.

L’inseguimento del successo, la progettazione dei video, la creazione di attesa in maniera ad hoc, mostra un progetto dietro al canale delle due bambine. Ed è per questo che i registi hanno deciso di seguire le due youtuber per un anno intero, come hanno dichiarato:

“Raccontare Marghe e Giulia significava per noi chiederci cosa vuol dire essere bambine dentro la potenza e i limiti dei social network visti e vissuti dal lato dei protagonisti, diventare grandi proiettando i propri successi e fallimenti nelle reazioni immediate dell’online”.

Delle bambine i cui genitori spingono molto per la loro carriera da youtuber, nonostante siano ancora molto piccole e, in teoria, dovrebbero avere altre priorità. Anche perché c’è un rischio, citando proprio i registi, con “le reazioni immediate dell’online”. Margherita e Giulia sono famose grazie al loro essere bambine, cosa succederà al loro canale, e a loro, soprattutto, quando cresceranno?

Domenico Attianese

Articoli simili

Il frantoio Nata Terra diventa presidio slow food

SummerMela racconta la cultura indiana

Le Maldive nascoste in Italia: non si può perdersele