La Ritmica italiana sul tetto del mondo

La ginnastica ritmica italiana é sul tetto del mondo. Trascinate da una straordinaria Sofia Raffaelli, le azzurre hanno dominato i Campionati mondiali di Sofia 2022 in Bulgaria, disputati dal 14 al 18 settembre scorsi vincendo per la prima volta il medagliere con 6 ori, 1 argento e 2 bronzi e record di medaglie totali con 9. 

Va detto che su questo risultato ha inciso nettamente l’assenza delle bielorusse e soprattutto delle dominatrici russe per le note vicende belliche ma si sa che quando il gatto non c’é i topi ballano e le nostra ragazze hanno danzato meglio di tutte le altre partecipanti. Mattatrice e trascinatrice della squadra come detto é stata Sofia Raffaelli, classe 2004, prima italiana a diventare campionessa del mondo nell’all around individuale, che si é messa al collo anche le medaglie d’oro del cerchio, nastro e palla e il bronzo delle clavette. Ha poi trascinato la squadra del gruppo combinato (insieme a Baldassarri, Centofanti, Duranti, Maurelli, Mogurean, Paris e Santandrea) a un altro oro. Il sesto oro é stato conquistato dalla squadra dei 5 cerchi (Centofanti, Maurelli, Duranti, Mogurean, Paris e Santandrea), che ha conquistato con le stesse ragazze anche l’argento nei “3 nastri e 2 palle”. Milena Baldassarri ha invece conquistato il bronzo nella palla. 

Sofia Raffaelli aveva già conquistato lo scorso anno ai mondiali in Giappone un argento e un bronzo creando in quell’occasione un movimento nuovo che le é stato riconosciuto dalla giuria internazionale.

Daniele Capello

Articoli simili

Sport bizzarri: lo Yukigassen

Frutta e verdura “irregolare” a domicilio con il market dell’e-commerce

Verstappen il dominatore