IT – Chapter 2, la recensione

La coulrofobia è la paura incontrollata dei clown, una paura molto più diffusa di quanto si possa pensare. Anzi, considerato il successo del capolavoro di Stephen King, It, e della trasposizione cinematografica di Andrés Muschietti, non è così impensabile. Specialmente se il volto del clown demoniaco nasce dalla faccia deformata, e terrificante, di Bill Skarsgård.

Il primo capitolo della trasposizione cinematografica del libro di King, uscito del 2017, fu un successo incredibile. Costato poco più di 30 milioni ne ha incassati oltre 700 e si è rivelato uno dei più grandi successi di quell’anno. Nonostante le numerose critiche, pre e post uscita del film, alla fine tutti attendevano l’uscita del secondo capitolo per poter seguire l’avventura dei perdenti una volta da adulti.

It – Chapter 2, infatti, inizia 27 anni dopo la fine del primo, dopo che i Perdenti hanno sconfitto IT, ma non l’hanno distrutto. It è una creatura antica, potente, pericolosa e soprattutto vendicativa. Dopo 27 anni riprende a terrorizzare Darry sapendo che, così facendo, attirerà di nuovo in città i bambini che l’avevano sconfitto. Per potersi vendicare.

Il secondo capitolo è molto più oscuro, violento e terrificante del primo. Questo perché i protagonisti non sono dei bambini, quindi spaventarli non è più così facile, e quindi il terrore è molto più profondo non solo a livello visivo, ma anche a livello psicologico.

Come più complessa è la trama, che si muove tra presente e passato per poter raccogliere tutti i pezzi del rituale necessario ad imprigionare IT. I nostri eroi, tuttavia, scopriranno la verità solo alla fine, una verità amara e al tempo stesso molto semplice.

Domenico Attianese

Articoli simili

Il concorso Miss Città di Nardò 2022

Gli ENHYPEN sul tetto della Oricon Top Weekly Album Chart

Folklore, il Palio di Asti 2022