Il ristorante ai confini del mondo

Il ristorante gourmet Koks da oggi sarà ancora più esclusivo e difficile da raggiungere. Lo chef Poul Andrias Ziska ha perfezionato la sua cucina nelle Faroe, ma ora ha deciso di trasferirsi in un piccolo villaggio della Groenlandia occidentale. La nuova location si trova a più di 200 km all’interno del Circolo Polare Artico, l’estremo Nord del pianeta.

Gli chef del Koks qui dei piatti con soli ingredienti di provenienza locale dal terroir che lo circonda, ovvero sulle rive dello spettacolare Ilulissat Icefjord, considerato patrimonio mondiale dell’UNESCO. La natura offre raccolti selvaggi fatti di frutti di mare e selvaggina, di gamberi e halibut a renne e bue muschiato.

Il menù che ne esce fuori è piuttosto ricercato e fuori dal comune. Teste di gamberi croccanti con occhi e antenne luccicanti; salmone delicatamente affumicato racchiuso tra cracker frizzanti di pelle di pesce; teneri bocconcini di pernice bianca scarlatta infilzati con un osso alare dalle piume bianche, solo per citarne alcuni.

Non va dimenticato che il Koks è l’unico ristorante stellato Michelin dell’Artico. La Groenlandia è vastissima, ma oltre l’80% è costituita da ghiacciai e la sua popolazione è praticamente minuscola: 56mila abitanti che vivono principalmente lungo la costa.

Arrivare al ristorante è un’odissea anche per chi vive sull’isola. Infatti non ci sono strade e dalla città più vicina, Ilulissat, i visitatori viaggiano per un’ora in barca. Si tratta senza dubbio di un viaggio assolutamente mozzafiato, zigzagando nel mezzo di un labirinto di imponenti iceberg bianco-blu.

Una volta arrivati si ha di fronte uno storico edificio in legno nero con degli infissi dipinti di bianco che è il ristorante Koks. Un teschio di bue muschiato accoglie gli ospiti mentre entrano nell’intima sala da pranzo a lume di candela con soli 30 posti a sedere. Prestando un ambiente accogliente, le sedie sono adornate con pelli di pecora e ai commensali vengono offerte pantofole di pelle di foca. Anche a tarda sera, la luce del Sole artico risplende attraverso le finestre.

Il menù fisso prevede 20 portate e le prenotazioni per il 2023 sono già aperte sul sito del ristorante: https://koks.fo/

Riccardo Pallotta©

Articoli simili

Gastronomia, ‘Pane e olio… a Teatro!’

Ha la forma della tradizionale pasta ma non contiene grano

Oro rosso dal passato: Imprenditorialità famigliare e biologica, l’Agricola Minafra