Il Dog Manager IHOD propone percorsi turistici per i cani

Il corso di formazione prepara professionisti in grado di creare luoghi turistico e ricreativi a misura di cane. Nuovi professionisti specializzati arrivano sul mercato del lavoro per valorizzare le esigenze degli animali

Il Dog Manager IHOD è una nuova figura professionale con il principale obiettivo di creare appositamente luoghi turistici e ricreativi per i cani. C’è una particolare attenzione anche agli animali, cresce la sensibilità verso gli amici a quattro zampe. Baubeach Village, l’associazione che ha realizzato nel 1998 la prima spiaggia in Italia “per cani liberi e felici”, organizza il corso di formazione Dog Manager che formerà, per la prima volta in Italia, professionisti in grado di creare luoghi turistico-ricreativi a misura di cane. L’obiettivo è preparare nuovi lavoratori specializzati che possano realizzare e gestire, in modo etologicamente corretto, spazi privati o pubblici, ricreativi o turistici, al fine di accogliere grandi numeri di cani accompagnati. Con Patrizia Daffinà, Presidente del Baubeach Village, vogliamo comprendere il valore aggiunto dell’iniziativa. 

Perché avete proposto questo tipo di corso?
«Dopo 21 anni di esperienza e moltissime richieste da parte degli operatori turistici che adottavano Baubeaach come modello da cui prendere spunto, ci siamo decisi a confezionare un corso che formi in modo esaustivo una figura professionale che è a metà strada tra il cinofilo e l’imprenditore, spesso troppo sbilanciata o da una parte o dall’altra. A nostro avviso è utile proporre un approccio che tenga conto delle esigenze etologiche dei cani e della necessità per le persone che li accompagnano, di essere educati ad una civile convivenza, al rispetto e alla cura per questo rapporto e anche per se stessi».

I giovani in che modo possono essere coinvolti in questa nuova professione?
«Il corso offre gli strumenti e gli spunti per inventare una professione al passo con i tempi. Si crea consapevolezza, conoscenza nell’ambito delle leggi, delle metodologie di accoglienza, si avvicina lo sguardo alla scelta consapevole e rispettosa dell’ambiente. Insomma, non si impara solo a gestire un numero elevato di cani in libertà, ma a farlo nel rispetto del pianeta. Il tutto con la certificazione di un importante ente (AICS) e, volendo, dell’UNI, Ente Italiano per la Normazione che, tra le altre cose, sta esaminando il nostro approccio “empatico relazionale” per renderlo una norma. Inoltre il modello IHOD© può essere applicato per la realizzazione di spazi di genere diversi, ludici, ricreativi, didattici e per servizi di accoglienza, ad esempio per creare pensioni o asili per cani amati e felici».

Gli animali come sono accolti dagli operatori del settore turistico?
«Spesso si pensa troppo al profitto e troppo poco alle loro esigenze: esistono strutture dove i cani non possono interagire e socializzare tra loro, box, mentali e fisici, divieto di vivere a pieno un momento di ri-creazione come la vacanza. Molti soci, al rientro delle ferie fuori città, ci raccontano di strutture claustrofobiche e tornano a Baubeach con il desiderio di rientrare nel nostro mood “libero e felice”. Questa è stata una delle nostre maggiori motivazioni per attivarci e creare questo corso mettendo insieme tutte le figure professionali che concorrono a dare ai discenti una esaustiva preparazione dal punto di vista motivazionale, etico, pratico e culturale».

Dove si svolge il corso
Il corso si svolgerà dal primo febbraio a metà giugno 2020 durante i fine settimana e prevede un totale di 100 ore (70 di didattica e 30 di tirocinio) in parte in aula, nella sede dell’associazione a Fregene, a due passi da Roma, in parte nello stabilimento balneare Baubeach, a Maccarese, sempre vicino Roma, tra bosco, fiume, mare e macchia mediterranea, in habitat naturali e contesti congeniali a stimolare rapporti empatici tra uomo, animale e ambiente. Il corso si rivolge a educatori cinofili; imprenditori; gestori di spazi dog friendly; amministratori pubblici; neofiti con la passione per gli animali. Il corso per Dog Manager IHOD è patrocinato dalla Regione Lazio, dal Comune di Fiumicino, dalla Scuola di Etologia Relazionale Cascina Myriam, riconosciuto e qualificato nell’ambito delle attività didattiche e formative AICS e della FISC. Il corso è riconosciuto AICS con possibilità, mediante esame aggiuntivo, del riconoscimento UNI, l’Ente Nazionale Italiano per la Unificazione.

Francesco Fravolini

Articoli simili

Le pietre viola

I suoni che calmano stati di ansia e paranoie

Sistema di soccorso in emergenza e urgenza: serve istituzionalizzare la figura del soccorritore