Il cinema è un luogo sociale e culturale

Il coordinamento artistico di Franco Montini, Roberto Ippolito e Claudio Giustini propone, da ottobre a dicembre, in sette comuni del Lazio sette diversi appuntamenti, ognuno per far rivivere il luogo della visione cinematografica, come scambio culturale con lo spettatore.

Valorizzare il luogo del cinema, sollecitare gli esercenti delle sale. È questo il principale obiettivo de I cinema: “Sale” della vita.

Il coordinamento artistico di Franco Montini, Roberto Ippolito e Claudio Giustini propone, da ottobre a dicembre, in sette comuni del Lazio sette diversi appuntamenti, ognuno per far rivivere il luogo della visione cinematografica, come scambio culturale con lo spettatore.

Le location prescelte sono Nuovo Cinema Aquila (Roma), Cinema Palma (Trevignano), Cinema Virgilio (Bracciano), Multisala Dream (Frosinone), Cinema Ariston (Gaeta), Cinema Moderno (Rieti), Multisala Moderno (Bolsena).

La programmazione e i protagonisti sono annunciati nel corso del primo appuntamento, in programma martedì 19 ottobre 2021, alle 18:00, presso il Nuovo Cinema Aquila di Roma, prima dell’incontro con Massimo Popolizio, per la proiezione di un classico della cinematografia italiana, “Accattone” di Pier Paolo Pasolini, di cui proprio a novembre ricorrono i 60 anni dalla prima.

Obiettivo dell’iniziativa

È studiata per allontanare la crisi delle sale cinematografiche, dovuta alle limitazioni dell’emergenza Covid 19 e alla moltiplicazione della fruizione dei film sulle piattaforme online. L’intuizione è dell’AGIS, con il sostegno della Regione Lazio e in collaborazione con ANEC Lazio, pronta a presentare il nuovo progetto, per stimolare e mettere in gioco in prima linea gli esercenti.

L’iniziativa si propone di dimostrare come la sala sia un importante luogo di aggregazione sociale, dove il cinema si incontra con le diverse espressioni artistiche: letteratura, musica, teatro. Per questo motivo, ciascun appuntamento, oltre alla proiezione di un film, prevede incontri dal vivo, esibizioni, confronti a più voci, con la partecipazione di cineasti e non solo.

Il cinema è il giusto condimento culturale della vita. Ridere, riflettere, dibattere sono momenti esclusivi che devono tornare protagonisti nella società, dopo la pausa forzata dovuta all’emergenza sanitaria del Covid 19, perché è impensabile una popolazione che non possa riflettere sugli accadimenti sociali mediante il cinema: racconto costante dei cambiamenti delle persone.

Sito web ufficiale: http://www.aneclazio.com/

Info: +39 06 4451290 – anec@agisanec.lazio.it

Francesco Fravolini

Articoli simili

Digiwatt contrasta il caro bollette

‘C’era una volta in Italia – Giacarta sta arrivando’

SAE Institute combatte la disparità di genere