Il calcio femminile americano vince la più importante partita

Negli ultimi sei anni, le calciatrici degli Stati Uniti hanno vinto un campionato di Coppa del Mondo e una medaglia di bronzo olimpica, ma la partita che invece fino a ora non erano riuscite a vincere era quella per la parità di retribuzione. Finalmente questa settimana sono riuscite ad avere un aumento di stipendi e montepremi.

Una scelta storica della US Soccer Federation che per la prima volta garantirà la stessa retribuzione ai calciatori delle squadre nazionali maschili e femminile. Oltre alla parità di retribuzione per le singole partite, gli accordi includono una disposizione, ritenuta la prima del suo genere, attraverso la quale le squadre uniranno i pagamenti disuguali dei premi in denaro che US Soccer riceve dalla FIFA, l’organo di governo del calcio mondiale, per il loro partecipazione ai Mondiali quadriennali.

A partire dal torneo maschile del 2022 e dalla Coppa del mondo femminile del 2023, quei soldi saranno condivisi equamente tra i membri di entrambe le squadre. “Nessun altro Paese ha mai fatto questo”, ha detto il presidente di US Soccer, Cindy Cone, dell’accordo per pareggiare i pagamenti della Coppa del Mondo. “Penso che tutti dovrebbero essere davvero orgogliosi di ciò che abbiamo realizzato qui. È davvero, davvero, storico”.

La campagna che ha portato a questo fondamentale accordo è partita ben sei anni fa, quando le stelle della nazionale femminile statunitense, vincitrici della Coppa del Mondo, hanno iniziato una campagna per superare quelli che hanno definito anni di discriminazione salariale da parte di US Soccer contro le sue calciatrici.

In questi anni, questa lotta è diventata una causa federale in cui le donne hanno accusato US Soccer di “discriminazione di genere istituzionalizzata”. Importante nella vittoria di questa importante partita fuori dal campo di calcio è stato l’assist finale della squadra maschile.

Sono stati i giocatori della squadra maschiel, infatti ad aprire la strada a un accordo alla fine dell’anno scorso quando hanno concordato privatamente di condividere alcuni dei milioni di dollari in denaro bonus della Coppa del Mondo che hanno tradizionalmente ricevuto unendolo ai pagamenti più piccoli che le donne ricevono dal proprio campionato.

La pace del lavoro sarà costosa: US Soccer si è impegnata a pagare una partita singola per la maggior parte delle partite di $ 18.000 per giocatore per le partite vinte e fino a $ 24.000 per quelle vinte in alcuni tornei importanti, consolidando lo status degli uomini e delle donne statunitensi come due delle squadre nazionali più pagate al mondo. E la federazione cederà agli uomini e alle donne di quelle squadre il 90 percento del denaro che riceve dalla FIFA per l’invio delle squadre ai prossimi due Mondiali.

Un dato interessante per far comprendere le differenze di premi a livello internazionale che ci sono tuttora. Le 24 squadre della Coppa del Mondo femminile 2019 in Francia, ad esempio, hanno gareggiato per un montepremi di 30 milioni di dollari; le 32 squadre maschili che si sfideranno in Qatar a novembre si divideranno 450 milioni di dollari.

E la retribuzione maschile e femminile non sarà ancora del tutto uguale: infortuni, decisioni di coaching e persino il numero di partite giocate da ciascuna squadra continueranno a influenzare ciò che i singoli giocatori possono guadagnare. Ma per le giocatrici americane più importanti, gli accordi potrebbero presto fornire un giorno di paga immediato sbloccando un accordo di $ 24 milioni, in gran parte per lo stipendio arretrato, che hanno raggiunto con US Soccer a febbraio per risolvere la causa per discriminazione di genere. US Soccer aveva subordinato quel pagamento una tantum al raggiungimento di nuovi accordi di contrattazione collettiva che formalizzassero la parità di retribuzione tra le squadre.

Con l’approvazione dei nuovi accordi, US Soccer può ora chiedere l’approvazione del giudice per iniziare a tagliare gli assegni.

Riccardo Pallotta©

Articoli simili

Verstappen il dominatore

Le pietre arancioni

Ha la forma della tradizionale pasta ma non contiene grano