Ibis eremita: un progetto contro l’estinzione

Piumaggio nero cangiante, testa nuda rossastra e lungo becco incurvato: non si può dire che l’Ibis eremita (Geronticus eremita) sia tra gli uccelli più belli ma ha un fascino particolare. Sicuramente è uno degli uccelli che più ha rischiato l’estinzione negli ultimi anni: nel 2013 restavano circa 500 individui in Marocco e un solo individuo selvatico in Medio Oriente. Fino al 16° secolo invece la specie era molto più diffusa e nidificava anche in Italia ed Europa Centro-meridionale. Attualmente la specie è considerata “in pericolo” da BirdLife International.

Proprio dalle antiche zone di riproduzione europee, nel 2002 inizia la riscossa: in Austria alcuni ornitologi del Förderverein Waldrappteam (Waldrapp è il nome tedesco della specie) cominciano ad allevare in cattività individui prelevati da zoo e centri faunistici partner del progetto, per insegnare loro a migrare come i loro avi; utilizzando ultraleggeri per guidarli, raggiunsero l’Oasi di Orbetello, in Toscana, luogo scelto per lo svernamento.

Nei primi anni furono diversi i problemi (bracconaggio, predazione, dispersione di individui “acerbi” alla migrazione) ma col tempo i vari Ibis, dotati di anelli colorati alle zampe e, dal 2011, di rilevatore GPS, hanno imparato la rotta, anche se qualche individuo tende ancora a disperdersi nel Nord e Centro Italia. Nel 2013 il progetto ottiene i fondi europei del programma Life+.

Anche se recentemente sono stati rilevati ancora episodi di bracconaggio, sembra che il progetto stia funzionando e ci si augura che la specie torni presto a nidificare regolarmente; nel 2008 in un analogo progetto in Spagna, si registrò la prima deposizione in Europa dopo tre secoli.

Daniele Capello

Per approfondire

Per vedere lo stato di estinzione

Articoli simili

Vent’anni fa il primo album di Amy Winehouse

Il Parco Nazionale del Gran Paradiso

COP28: affrontare il cambiamento climatico: aspettative, problemi e potenziali soluzioni