Confusione tra i fan di Harry Potter

Da anni circolano periodicamente notizie sull’uscita di un potenziale quanto improbabile sequel di “Harry Potter”. E altrettanto periodicamente gli attori che hanno interpretato i personaggi principali della saga rilasciano qualche dichiarazione che contribuisce ad alimentare speranze e far circolare altri roumors in rete.
Infatti è bastato che il 5 settembre la Rowling postasse su twitter il logo di “Harry Potter e la Maledizione dell’Erede” per far infuocare i fan.
Per i poco informati, “Harry Potter e la Maledizione dell’Erede” (il cui titolo in lingua originale è “Harry Potter and the Cursed Child”) è uno spettacolo teatrale in due parti suddivise in due atti ciascuna, scritto da Jack Thorne su soggetto della stessa J.K. Rowling e di John Tiffany. L’opera debuttò al Palace Theater di Londra il 30 Luglio 2016 ed è ambientata a 20 anni di distanza dai fatti narrati nell’ultimo libro della serie. Il protagonista principale è Albus Severus Potter, figlio di Ginny Weasley e Harry Potter.
Tale spettacolo non è stato apprezzato dalla maggioranza dei fan, che difatti non lo considera parte del canone originale. Stranamente, però, lo spettacolo sta riscuotendo sempre più successo, tanto da essere rappresentato anche a New York e Melbourne, e presto raggiungerà anche Amburgo, Toronto e San Francisco.
Forse il tweet dell’autrice non era altro che una sorta di post promozionale legato proprio al debutto dell’opera nel teatri esteri.
I più maliziosi sospettano che la Warner Bros, che detiene già i diritti sull’opera, stia cercando di capire se sia davvero il caso di realizzare una trasposizione cinematografica della piece teatrale. In realtà il fatto che la Warner possegga i diritti  dell’opera potrebbe benissimo far parte della classica strategia per garantirsi un controllo totale del franchise, quindi non costituisce alcuna prova a sostegno delle tante ipotesi che circolano sul web.
Non dimentichiamoci che la casa di produzione cinematografica è già impegnata con la produzione dei prossimi tre impegnativi capitoli della saga prequel “Animali Fantastici”.

Yami

Articoli simili

Fernanda: impegno civile e culturale

Workshop nella Biblioteca Macchi di Ameno

Cultura, il digitale nella società