L’equipe di Grey’s Anatomy dovrà vedersela con il Coronavirus

Gli sceneggiatori di “Grey’s Anatomy” stanno lavorando alla realizzazione degli episodi della 17ª stagione. La produzione è stata costretta a rallentare a causa del lockdown, per cui ancora non è stata fissata una data ufficiale per la sua uscita.
Tuttavia la ABC, l’emittente statunitense che trasmette la serie, ha assicurato che lo show verrà mandato in onda in autunno, nella solita fascia serale del giovedì.
Il produttore esecutivo Krista Vernoff ha rivelato alla Television Academy che nel corso della nuova stagione l’equipe medica si ritroverà ad affrontare la pandemia.
Dalle parole della Vernoff si evince che la produzione ritenga fondamentale il fatto che un medical-drama così longevo si occupi di un’emergenza sanitaria che ha avuto  un così grande impatto non solo sulla popolazione americana, ma sul mondo intero.
Inoltre ha sottolineato che per infondere maggiore realismo e veridicità alle storie che verranno rappresentate, gli sceneggiatori si stanno avvalendo delle preziose testimonianze fornite dagli operatori sanitari che tuttora stanno affrontando l’emergenza.
“Siamo state le prime persone a cui questi medici hanno narrato la loro esperienza” ha aggiunto la Vernoff. “Tremanti e sull’orlo del pianto, ce l’hanno descritta come una guerra a cui non erano preparati”.
Nonostante il tema delicato che si appresta a trattare, la serie promette di stemperare il clima d’angoscia con quel romanticismo e quel buon umore che l’hanno sempre caratterizzata.

Yami

Articoli simili

Fernanda: impegno civile e culturale

Workshop nella Biblioteca Macchi di Ameno

Cultura, il digitale nella società