Fine di un regista leggendario, Godard

È morto a 91 anni il regista Jean-Luc Godard, che ha guidato la rivoluzionaria Nouvelle vague del cinema francese. Godard è entrato in scena negli anni ’60 e ha dato il via a una serie di film acclamati che hanno riscritto le regole del cinema e influenzato registi da Martin Scorsese a Quentin Tarantino. Se ne è andato per suicidio assistito in Svizzera.

Il presidente francese Emmanuel Macron ha affermato che Godard “ha avuto la visione di un genio”. In un tributo su Twitter, Macron ha scritto: “Era come un’apparizione nel cinema francese. Poi ne è diventato un maestro. Jean-Luc Godard, il più iconoclasta dei registi della Nouvelle vague, ha inventato un’arte decisamente moderna e intensamente libera. Abbiamo perso un tesoro nazionale, un uomo che aveva la visione di un genio”.

Il consulente legale di Godard, Patrick Jeanneret, ha dichiarato all’agenzia di stampa AFP che il regista franco-svizzero “Ha fatto ricorso all’assistenza legale in Svizzera per una partenza volontaria poiché è stato colpito da ‘molte malattie invalidanti’, secondo il referto medico”. Infatti il suicidio assistito è legale in Svizzera in alcune circostanze.

Godard ha iniziato come critico cinematografico prima di mettersi dietro la macchina da presa con l’elegante e spigoloso Breathless. I suoi protagonisti Jean Seberg e Jean-Paul Belmondo erano affascinanti in un modo nuovo e disinvolto, mentre la telecamera era in continuo movimento, il montaggio era rapido e audace e la sceneggiatura semi-improvvisata. Il regista una volta ha detto: “Era un film che prendeva tutto ciò che il cinema aveva fatto: ragazze, gangster, macchine – esplose tutto questo e pose fine, una volta per tutte, al vecchio stile”.

Ha poi realizzato Le Petit Soldat, anche se il film è stato bandito fino al 1963 a causa della rappresentazione della tortura sanzionata dal governo. Il suo cast includeva la modella danese Anna Karina, che sposò Godard nel 1961 e apparve in una serie dei suoi film di maggior successo. Ha interpretato una ballerina di un nightclub che vuole un bambino in Une Femme est une Femme del 1961; una giovane prostituta parigina in Vivre sa vie del 1962; e un membro della banda in Bande à Part del 1965.

Tarantino ha chiamato la sua società di produzione con lo stesso nome di quest’ultima pellicola e una volta ha detto che Godard era “così influente” per lui come regista. “Godard è uno che mi ha insegnato il divertimento, la libertà e la gioia di infrangere le regole… Considero Godard per il cinema quello che Bob Dylan era per la musica”, ha detto.

La ricca serie di film influenti di Godard negli anni ’60 includeva anche Alphaville e Le Mépris, del 1963, con Brigitte Bardot, è stato nominato da Scorsese come uno dei suoi 10 film preferiti. È “uno dei film più commoventi della sua epoca e Godard è stato i grandi artisti visivi del cinema moderno”, ha scritto nel 2014 il regista di Taxi Driver.

Le trame di Godard hanno anche confuso tempo e spazio, cambiando l’idea di una narrazione fissa. Una volta disse: “Una storia dovrebbe avere un inizio, una parte centrale e una fine, ma non necessariamente in quest’ordine”. Aveva più di 100 film a suo nome in totale, con lui si chiude un’era cinematografica che ha influito sul cinema mondiale.

Riccardo Pallotta©

Articoli simili

I vincitori dei Melon Music Awards 2022

Se devi dire una bugia dilla grossa

‘Magna Graecia Experience’ incontra i giovani