Niente “Dopo Festival” per Elisabetta Gregoraci

La 70esima edizione del Festival di Sanremo si fa sempre più vicina e intanto, già da alcune settimane, fervono anche i preparativi de “L’altro Festival”, il programma che andrà in onda parallelamente alla kermesse canora sanremese e che andrà a sostituire il “Dopo Festival”, mantenendo però la stessa funzione del suo predecessore, ovvero quella di dar spazio ad approfondimenti, commenti curiosità riguardanti i brani, gli artisti in gara e i vari retroscena del Festival della canzone italiana.
Per la conduzione de “L’altro Festival”, si era fatto il nome di dell’ex-modella, showgirl e conduttrice televisiva Elisabetta Gregoraci, la quale avrebbe dovuto affiancare Nicola Savino. Il suo ingaggio era stato dato per certo, tanto che l’ex-moglie di Flavio Briatore aveva già ricevuto diversi complimenti e commenti di incoraggiamento da parte di fan e colleghi sui suoi canali social.
Il tutto, però, è improvvisamente esploso in una bolla di sapone.
Pare, infatti, che la trentanovenne non sarà più alla conduzione del programma e tutto per colpa di Nicola Savino, come denuncia lei stessa in un lungo post sul suo profilo ufficiale Instagram.
«Cari amici e care amiche di Instagram»
scrive la Gregoraci, allegando una foto di Savino che fa una smorfia «a malincuore, vi informo che ho appena saputo “a cose fatte”, che non farò parte del cast de “L’Altro festival” così come annunciato dai media e come da accordo che mi aveva ufficializzato la Rai. Il motivo? Ve lo spiego: il signor Nicola Savino con cui avrei dovuto co-condurre il format, ha imposto la sua volontà ed ottenuto con forza e prepotenza, la mia esclusione, adducendo motivi inesistenti, pretestuosi e strumentali, tra i quali (affermazione pronunciata nel corso di una nostra conversazione telefonica privata e che mi ha molto ferito) la presunta appartenenza politica alla Destra del mio ex marito, in quanto all’interno del format avrebbe già incluso comici sostenitori di Sinistra. Sono basita e profondamente scossa per quanto accaduto anche perché non ho avuto la possibilità di difendermi poiché è stato fatto tutto alla mie spalle e sono stata trattata come nessuno dovrebbe mai essere trattato, calpestando la mia dignità di donna e di professionista.
Ho riflettuto bene se fosse il caso o meno di rendere pubblica questa vicenda; ma alla fine ha prevalso il desiderio di verità perché è giusto che il pubblico che mi segue da anni sappia tutto e, soprattutto, perché in questo momento più che mai ho bisogno del vostro sostegno…la vostra Eli».
Alla base della sua esclusione, quindi, ci sarebbero motivi politici che nulla avrebbero e dovrebbero avere a che fare con un festival della canzone italiana, in cui dovrebbero essere le canzoni e i loro autori al centro dell’attenzione.
Il post, pubblicato nel primo pomeriggio del 16 gennaio, in poche ore ha raggiunto 14.000 utenti e ricevuto commenti di sostegno da altre attrici e colleghe, tra le quali Alessandra Pierelli e la youtuber Mariasole Pollio, dei suoi follower, nonché quello del suo ex marito.
Intanto la trentanovenne ha anche rilasciato un’intervista alla rivista “Oggi” in cui parla dell’amarezza e della delusione per aver perso la possibilità di condurre un programma non per le sue capacità professionali ma per ragioni politiche, tra l’altro inesistenti.
Nel corso dell’intervista, la Gregoraci ha raccontato di come il produttore e conduttore radiofonico e televisivo abbia costretto la Rai a operare una scelta tra lui e lei e ha poi aggiunto: «Lui mi ha chiamato ed è stato irremovibile nel giudicare le scelte politiche di Flavio: “Nel format abbiamo gente di sinistra, non c’è spazio per chi è di destra nel mio programma”. Mi ha detto così».
Infine, la trentanovenne ha concluso l’intervista con un’affermazione molto chiara: «Io sono una professionista che si impegna per far bene il suo mestiere, non mi occupo di politica, tanto meno delle visioni politiche del mio ex marito».

Yami

Articoli simili

I BTS registrano un nuovo record in Giappone

Il Labirinto di Alfonsine è “onirico”

Nastri d’Argento 2022: i premi