“Distretto del cibo salumi DOP piacentini”

È possibile realizzare una filiera completamente sostenibile. Questa realtà rappresenta quell’ulteriore conferma che l’Emilia-Romagna è la capitale della qualità italiana

“Distretto del cibo salumi DOP piacentini” garantisce sicurezza, qualità, tracciabilità, tutela ambientale, sostenibilità, supportando i produttori per la valorizzazione delle loro DOP e per l’export. Questo è l’obiettivo da raggiungere che coinvolge il territorio piacentino grazie alla sinergia tra diverse filiere come tra i differenti Distretti diversificati, “fiori all’occhiello” di un made in Italy che il mondo ci invidia e tenta di imitare.

Valore aggiunto economico 

Il beneficio si riflette anche sul turismo eno-gastronomico, paesaggistico, storico-monumentale, quello di “prossimità” sviluppato dopo la pandemia. Non possiamo dimenticare l’agevolazione dell’occupazione come la formazione, coinvolgendo istituti superiori ed Università. Il Distretto del cibo salumi DOP piacentini rappresenta quell’ulteriore conferma che l’Emilia-Romagna, con le sue DOP ed IGP, è la capitale della qualità italiana, la prova che “il cibo è anche cultura”.

Francesco Fravolini

Articoli simili

Economia, il vino conquista gli italiani

Compagnia della Formazione: più ‘dialogo’ tra scuola e lavoro

Nomisma e Angaisa analizzano il mercato idrotermosanitario