Da 25 anni a 25 gradi sotto zero: la Banca del Germoplasma sarda compie gli anni

In Sardegna è attiva e presente da un quarto di secolo un prezioso scrigno di biodiversità per flora minacciata da estinzione. 

La Banca del Germoplasma della Sardegna, conosciuta in ambiente scientifico con l’acronimo BG-SAR, compie gli anni, 25 per l’esattezza, anni di attività continua, 25 come la sua temperatura interna, costante a meno 25 gradi sotto zero.

E’ per questo che da giovedì 29 settembre alle 9.30 nell’Aula Mameli Calvino, all’interno dell’Orto Botanico dell’Università di Cagliari, partono le celebrazioni per i 25 anni. 

Dal 1997, la Banca si occupa in particolare di raccolta, studio, moltiplicazione, conservazione e gestione del germoplasma delle specie vegetali autoctone, endemiche, rare, minacciate di estinzione o di particolare interesse. BG-SAR, consente la tutela di una importante biodiversità, con la presenza di circa 3.500 lotti di semi riferibili a circa 1.500 tipologie vegetali provenienti da numerosi territori del Mediterraneo, specialmente insulari.

La Banca del Germoplasma della Sardegna da 25 anni collabora con diverse reti e consorzi di altre analoghe banche, come Ribes, Ensconet e Geeda, e porta avanti diversi progetti legati alla conservazione della biodiversità vegetale. Oltre che un centro di conservazione e tutela di biodiversità, BG-SAR ospita anche studenti, ricercatori e tecnici, per lavori di ricerca o completare il proprio percorso di tesi e formazione su tematiche legate alla conservazione e valorizzazione della flora sarda. 

Nessuna cella aerospaziale, tutto a portata di mano, in Sardegna.

di Marino Ceci

Articoli simili

‘Io Valgo’ sostiene le persone con disabilità

Digiwatt contrasta il caro bollette

Il Superbonus piace alle famiglie