Costa Verde: il regno del Portogallo

Proprio in questo luogo, all’inizio del secolo XII, nasce il regno del Portogallo. Non possiamo tralasciare una visita a Oporto, con secoli di esistenza e magnificamente localizzata alla foce del fiume Douro: ruolo fondamentale negli affari e nella cultura portoghese.

La Costa Verde in Portogallo conserva la storia, il fascino, la natura quasi a caratterizzare la località in maniera originale. Conviene ricordare che proprio in questo luogo, all’inizio del secolo XII, nasce il regno del Portogallo. Non possiamo tralasciare una visita a Oporto, con secoli di esistenza e magnificamente localizzata alla foce del fiume Douro: ruolo fondamentale negli affari e nella cultura portoghese. Quando passeggiamo nella città non perdiamo l’occasione di visitare la Chiesa di S. Francesco, un raffinato esemplare di stile barocco. Un altro gioiello è il Museo Soares dos Reis, dove sono conservate meravigliose opere d’arte e tesori portoghesi. Quattro ponti uniscono la città a Vila Nova de Gaia, nell’altra sponda del fiume Douro, dove si possono visitare i magazzini e assaggiare il famoso vino Porto. Da non perdere alcuni avvenimenti culturali come il Festival Europeo di Jazz ed il Festival Internazionale del Cinema e del Teatro. Oporto si evidenzia anche per le spiagge e per i bar all’aperto che si susseguono, nel fresco lungomare pieno di palme del quartiere Foz. È facile notare in alcuni piccoli paesi sperduti le influenze nelle abitudini dei riti e delle credenze pagane precedenti al cristianesimo che, coesistono con castelli tranquilli, chiese maestose e ricchi palazzi. A nord si trovano la villa-fortezza di Valenca e la città di Ponte de Lima, torri medioevali, case dipinte di bianco e rifinite con lavori di pietra ed un bellissimo ponte romanico.   

La gastronomia
È un variegato assortimento legato al mare, alle spezie e alla frutta esotica portata dall’Oriente, oltre ai segreti dei suoi conventi. Il tutto è sempre accompagnato dai vini della regione. Da non perdere la Fiera Gastronomica di Santarém (Planicies) dove sono in passerella le delicatezze provenienti da tutto il paese. L’appuntamento tradizionale si svolge in autunno. Ecco alcuni piatti tipici da assaggiare nelle diverse località della regione. Nella Costa Verde c’è “caldo verde”, la minestra di cavolo verde e salsiccia piccante, seguita da pesce fresco e trippa di Oporto. Budino di riso e “pao de lo” (più conosciuto come pan di spagna) accompagnato dal Porto, uno dei migliori vini nazionali. Un’altra bevanda particolare è il “vinho verde”, fresco e frizzante. Nella Costa de Prata è da mangiare lo stufato di pesce l’aragosta cotta al vapore. “Doces de ovos” (dolce a base di uva) di Aveiro o “cavacas” (biscotti duri e dolci) di Caldas da Rainha sono alcune specialità che i portoghesi lasciarono dietro di sé durante i viaggi in Oriente, ancora oggi servite in tavola ai turisti. 

Francesco Fravolini

Articoli simili

Mountain Maps, scoprire la montagna in sicurezza

Roma, Coro Polifonico all’Aventino

Torna a Bologna Arte Fiera dal 3 al 5 febbraio