Calcedonio blu: caratteristiche ed usi

Dopo gli accenni generici entriamo nel vivo della cristallo terapia parlando delle singole pietre e minerali.

Il calcedonio blu è una pietra legata all’aria e all’acqua sin dai tempi antichi ed è considerata una pietra magica capace di governare maree e venti.

Collegato al quinto chakra migliora la comunicazione ma richiama anche il silenzio, ottimo per sviluppare una comunicazione non verbale più forte o per imparare a misurare le parole.

Compito principale infatti è proprio quello di aiutare a capire l’importanza di misurare le parole, ottimo da portare con sé in caso di lavoro improntato sulla comunicazione.

Se indossato al collo prima di parlare in pubblico aiuta ad alleviare la tensione.

E’ una pietra che porta la pace e migliora la comunicazione, porta la quiete in casa ridimensiona i contrasti e aumenta la comprensione reciproca.

A livello fisico si dice sia ottimo per chi soffre di disturbi ricorrenti alla gola, ottimo per calmare i geloni e per ridurre il sonnambulismo.

Ottimo se ci lascia andare un po’ troppo agli eccessi, visto che dona equilibrio e porta ad una maggiore ricerca introspettiva.

Rende più ottimisti aiutando ad apprezzare le cose belle della vita.

Perfetto per chi soffre di cattivo umore e se si è tendenti a soffrire di attacchi di rabbia ansia o paure irrazionali e repentine.

Aiuta a comunicare con il proprio lato più profondo e con la divinità e i regni spirituali in generale.  

Benedetta Giovannetti

Articoli simili

Sistema di soccorso in emergenza e urgenza: serve istituzionalizzare la figura del soccorritore

Le pietre blu

IL DDL CONTRO L’OSTRACISMO E LA SUA PATERNITA’