Amber Heard potrebbe dire addio al suo ruolo in Aquaman

Il processo per diffamazione mosso da Johnny Depp contro l’ex moglie Amber Heard sta per concludersi.

A causa di questa bruttissima storia l’attore ha subito enormi danni d’immagine che hanno compromesso la sua carriera ancor prima che venisse dimostrata la sua eventuale colpevolezza: ricordiamo, infatti, che Depp ha perso numerosi ingaggi per ruoli prestigiosi e iconici, tra cui quello di Jack Sparrow del franchise “Pirati dei Caraibi” della Disney e quello di Gellert Grindelwald della saga “Animali Fantastici”, senza contare gli enormi danni economici, psicologici e di salute.
Al contrario, la Heard ha continuato a lavorare nel cinema, anche se nel corso di uno dei più recenti dibattimenti che si sono svolti nell’aula del tribunale ha dichiarato di aver dovuto lottare parecchio per mantenere il proprio ruolo nel sequel di “Aquaman”.

Secondo quanto da lei dichiarato, in seguito alla pubblicazione del suo articolo sul Washington Post la Warner Bross avrebbe preso in considerazione l’idea di rimpiazzarla con un’altra attrice per “Aquaman 2 – The Lost Kingdom” o di tagliare via le sue scene dalla pellicola usando come pretesto una presunta mancanza di intesa tra lei e il protagonista Jason Momoa.

Secondo quanto riportato da Variety, Walter Hamada, presidente della Warner Bros DC Films in tribunale, è stato chiapato a deporre in tribunale per chiarire questo punto.
Hamada ha confermato che la casa di produzione ha effettivamente valutato la possibilità di rimpiazzare l’attrice, ma ha motivato tale opzione come una scelta legata al casting e non per via delle accuse che la donna aveva lanciato nei confronti dell’ex marito: pare che la mancanza di coinvolgimento e intesa tra la Heard e Momoa fosse talmente marcata da richiedere un lavoro particolare in fase di post-produzione, curando maggiormente il montaggio e la colonna sonora in modo da far venire fuori ciò che era completamente assente sul set.

Alla fine la Heard è riuscita a conservare il suo ruolo, anche se sembra che le sue scene siano state notevolmente ridotte.

In ogni caso, dopo tutto ciò che è emerso nel corso di quest’ultimo processo, l’attrice potrebbe non avere molte opportunità per tornare sul grande schermo. Tutto dipenderà dall’esito finale di questa penosa faccenda.

Yami

Articoli simili

Sociale, la solitudine dei giovani

Sorrentino: le sale cinematografiche hanno bisogno di noi

Il ritorno dei voucher per i pagamenti del lavoro occasionale